Sabbia per equitazione: l’esperto risponde

equitazione sabbia 1

L’equitazione comprende varie discipline a cavallo tecnicamente diverse tra loro. Questa diversità comporta una estrema caratterizzazione dei materiali da utilizzare per costruire i campi da lavoro o competizione. Nello specifico, tipologia e qualità della sabbia utilizzata, hanno un ruolo fondamentale per la buona riuscita e la qualità di un maneggio o di un campo gara.

Le due macro categorie di utilizzo delle sabbie da equitazione sono “Sportiva” e “Americana”. Si tratta di fatto di due attività equestri molto diverse che necessitano di sabbie con caratteristiche altrettanto diverse.

Generalmente nell’utilizzo “Sportivo” sono compresi il salto ostacoli, il dressage e il concorso, discipline largamente diffuse nel nostro territorio che richiedono ognuna una sabbia con caratteristiche peculiari per il campo di allenamento o da gara. Per ottenere un ottimo risultato è fondamentale trovare il corretto mix tra compattezza, elasticità, aspetto estetico e drenaggio della sabbia.

Le discipline “Americane” necessitano di fondi molto compatti e sabbie che consentano lo scivolamento del destriero per eseguire le figure studiate. Le sabbie ideali per queste attività sono solitamente più grossolane rispetto a quelle utilizzate per l’uso Sportivo.

Fondamentali per un ottimo prodotto finale sono quindi la scelta dei materiali, la perizia nella realizzazione del campo e la sua manutenzione nel tempo. La sinergia di questi elementi garantirà risultati eccellenti e duraturi.

Vi proponiamo a seguire una serie di domande e risposte sull’argomento curate dal nostro esperto, il geologo Domenico Caprio, sperando che vi siano d’aiuto. Per qualunque altra domanda o curiosità non esitate a contattarci.

1. Quali sabbie si utilizzano per l’equitazione?

Solitamente sono preferibili le sabbie silicee con pezzature fini o molto fini a seconda della disciplina di impiego, con predilezione per i toni cromatici chiari: bianco, rosa, giallo.

2. La sabbia fa polvere?

Le sabbie minerali utilizzate per questo specifico ambito sportivo sono fini ma controllate granulometricamente; questo significa che la polverosità è ridotta al minimo.

3. Quanto durano le sabbie?

L’utilizzo di sabbie silicee garantisce una durabilità del campo superiore rispetto ad altri tipi di sabbie, sia per la purezza della sabbia che per le caratteristiche chimico-fisiche della stessa.

4. Le sabbie utilizzate per l’equitazione sono sabbie pesanti?

Le sabbie minerali risultano elastiche, compatte e mai pesanti, ideali per garantire un estremo confort alle sollecitazioni verticali e laterali.

5. Quali spessori di sabbia è meglio utilizzare?

Dipende dalla tipologia di sottofondo e dall’intensità di utilizzo. Solitamente gli spessori variano dai 10 ai 16 cm, facendo molta attenzione alla capacità drenante del substrato.

6. Quanto è importante il drenaggio in un campo?

Fondamentale direi, le sabbie rivestono esclusivamente la parte superficiale del campo, quindi anche se hanno buone capacità drenanti, queste si annullano se il fondo non permette il passaggio dell’acqua. Inoltre un corretto drenaggio consente di mantenere le sabbie della consistenza e compattezza desiderate.

7. Subirrigazione, tessuto, tappeti: cosa è meglio?

Tutte le soluzioni sono efficaci se ben studiate e se si utilizzano le sabbie idonee per ogni tipologia di prodotto.